Chiudi





I NOSTRI

SERVIZI

Il restauro conservativo rappresenta un lavoro edilizio comune nel nostro paese. Esso è disciplinato dal Decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001, ossia il nostro testo unico in materia edilizia. Il legislatore specifica che rientrano nel concetto di restauro conservativo «gli interventi edilizi rivolti a conservare l’organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che, nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell’organismo stesso, ne consentano destinazioni d’uso con essi compatibili. Tali interventi comprendono il consolidamento, il ripristino e il rinnovo degli elementi costitutivi dell’edificio, l’inserimento degli elementi accessori e degli impianti richiesti dalle esigenze dell’uso, l’eliminazione degli elementi estranei all’organismo edilizio».

Quindi, semplificando, il restauro conservativo è un tipo di intervento edilizio che punta a recuperare, conservare e valorizzare gli edifici che presentano un particolare valore dal punto di vista ambientale, storico, artistico, architettonico, o che siano costruzioni tipiche del territorio. L’obiettivo di tale restauro è duplice: da un lato, vi è lo scopo di ricostituire i caratteri originari degli edifici; dall’altro, si vuole renderli funzionali alle moderne esigenze abitative.

Le operazioni di ritorno “all’origine” possono comportare la demolizione di porzioni aggiunte in periodi successivi o ricostruire parti demolite in passato, mentre la funzionalità si ottiene con l’eventuale integrazione di pareti, dei servizi igienici, con il rifacimento degli impianti, con l’installazione di componenti tecnologiche, e via discorrendo. Naturalmente, le “aggiunte moderne” devono essere sempre eseguite tenendo ben presente un obiettivo di armonia, vale a dire che non devono assolutamente interferire con lo stile e il carattere degli edifici. Diversamente, verrebbe a cadere la prerogativa di tale tipologia di interventi, ossia la conservazione, per l’appunto.

Per attuare un restauro conservativo che restituisca alle case dell’Alta Langa il loro aspetto originario, è necessario affidarsi ad esperti che conoscano alla perfezione le peculiarità di queste antiche dimore, proprio come i nostri “artigiani”. Essi puntano a valorizzare le costruzioni tipiche del territorio langarolo per restituire loro l’anima contadina di un tempo, armonizzandole con l’ambiente circostante.

A questo scopo, vengono offerti una serie di servizi che comprendono:

  • Esame statico e consolidamento degli edifici
  • Recupero fedele dei fabbricati, con particolare riguardo per la salvaguardia dei caratteri distintivi e degli elementi tipici
  • Applicazione di tecniche costruttive tradizionali della Langa
  • Uso di materiali tipici della Langa: pietra, cotto, calce naturali e legno
  • Risanamento di muri e pareti
  • Efficientamento del fabbricato dal punto di vista energetico